Mission e Risultati

Su iniziativa dell’Università “Gabriele d’Annunzio", il 17 febbraio 2003, è stata costituita la Fondazione Università “Gabriele d’Annunzio", con sede in Chieti, presso il Centro di Scienze dell’Invecchiamento

Su iniziativa dell’Università “Gabriele d’Annunzio", il 17 febbraio 2003, è stata costituita, ai sensi dell’articolo 59, comma 3, della legge 23 dicembre 2000, n. 388 e del DPR 24 maggio 2001 relativo al "Regolamento recante criteri e modalità per la costituzione di fondazioni universitarie di diritto privato", la Fondazione Università “Gabriele d’Annunzio", con sede in Chieti, presso il Centro di Scienze dell’Invecchiamento. La Fondazione ha personalità giuridica di diritto privato e non ha scopo di lucro, non può distribuire utili ed opera esclusivamente nell’interesse della Università.

La Fondazione Università “G. d’Annunzio”, costituita il 17/02/2003, ha compiuto il suo decimo anno di attività nell’interesse esclusivo dell’Università “G. d’Annunzio”. L’art.59, comma 3 della legge n. 388 del 23/12/2000, risponde alle esigenze delle Università che, attraverso le Fondazioni di diritto privato con funzioni strumentali, si assicurano un sostegno operativo e finanziario con l’obiettivo di ottenere economie di spesa. Il suddetto articolo prevede, infatti, che gli Enti di riferimento, con provvedimenti motivati, autorizzano l’acquisizione di beni e servizi per proprio conto a prezzi e a condizioni economicamente più vantaggiosi di quelli stabiliti dalle convenzioni nazionali di riferimento. L’Ateneo “G. d’Annunzio”, costituendo la Fondazione, ha colto tali opportunità e ne ha reso uno strumento che permettesse una maggiore funzionalità ponendo in essere strutture e attività con finalità tipicamente scientifiche e altamente tecnologiche, quali il Ce.S.I. (Centro di Scienze dell’Invecchiamento) e l’ITAB (Istituto di Tecnologie Avanzate Biomediche). In ragione di questa scelta, negli anni la Fondazione ha adempiuto al compito assegnatole dall’Università, rispettando i parametri di legge ed in particolare quelli di efficienza ed economicità gestionale, con notevoli vantaggi diretti ed indiretti all’Ateneo derivanti dalla conduzione di specifiche attività, tra le quali è utile ricordare:

  • ricerca clinica e di base, caratterizzate da una produzione scientifica di tutto rispetto, tale da porre il Ce.S.I. e l’ITAB in posizione di rilievo nel panorama scientifico nazionale ed internazionale;
  • servizio di diagnostica per immagini, reso a strutture sanitarie pubbliche e private, in particolare ASL di Chieti, sulla base di specifici accordi;
  • attività di supporto all’università sotto l’aspetto della manutenzione degli immobili di proprietà e di servizi, condotte senza oneri aggiunti per la stessa ed ai migliori prezzi di mercato;
  • attività formativa, attraverso lo svolgimento di attività strumentali e di supporto alla didattica ed alla formazione; project management, tramite un supporto di competenze e metodologie per l’impostazione e la gestione complessiva dei progetti di ricerca, compresa la pianificazione economico-finanziaria e temporale delle varie fasi di attuazione del progetto, facilitando i processi di integrazione e coordinamento delle varie unità operative e incrementando il grado di efficienza ed efficacia dei progetti;
  • fund raising, raccogliendo risorse finanziarie, erogazioni liberali e contribuzioni da persone fisiche, istituti di credito, imprese, enti pubblici ed altri enti no profit.

TAPPE FONDAMENTALI SULLA STORIA DELLA FONDAZIONE

2011 – Istituzione di un progetto di cooperazione internazionale, con il sostegno economico della Fondazione Carichieti, che vede interessati studiosi del Cesi e medici sudanesi, per insegnare loro tecniche e protocolli di diagnosi del cancro. Firma del protocollo d’intesa tra la Fondazione e l’Istituto Italiano di Tecnologia di Genova (leader nell’ambito di robotica, nanotecnologie e farmacologia clinica) sulla ricerca di nuovi farmaci contro l’invecchiamento. L’intesa prevede la sperimentazione pre-clinica e clinica di nuove molecole che possano contrastare le patologie legate all’invecchiamento, con un particolare focus sulle patologie che interessano il cervello.

2010 – Su PNAS (Proceedings of the National Academy of Sciences of the United States of America), una delle riviste scientifiche più prestigiose al mondo, viene pubblicato il lavoro di ricercatori del Ce.Si. in ambito oncologico. Nello stesso anno viene avviato il progetto scientifico per la formazione di medici e personale specializzato e per la strutturazione di laboratori di anatomia patologica presso gli ospedali africani.

2009 – La fondazione sigla un accordo quadro di collaborazione con l’azienda farmaceutica Wyeth Lederle: tale accordo fa della Fondazione il primo centro italiano coinvolto nelle ricerche cliniche di farmaci in fase precoce. Inoltre, l’unità Operativa di Termografia stipula un accordo di collaborazione scientifica con la Ferrari S.P.A per la ricerca di soluzioni d’avanguardia a bordo di autoveicoli

2008 – Un estratto del Bilancio Sociale 2007 viene pubblicato sul quotidiano nazionale il Sole 24 Ore. Una versione sintetica di tale bilancio viene inoltre stampata e distribuita con il quotidiano in oltre 300 mila copie, mentre la versione digitale viene pubblicata sul sito www.ilsole24ore.com .

2007 – Il Centro di Ricerca (CrC) della Fondazione ottiene la certificazione internazionale per la ricerca ISO 9001:2000.

2006 – La Fondazione pubblica il primo bilancio sociale relativo alla gestione dell’anno 2005. Il Consiglio di Amministrazione della Fondazione adotta la “Carta dei valori d’impresa”.

2005 – Il Ce.S.I. si afferma come centro d’importanza internazionale, ospitando conferenze scientifiche a cui intervengono, tra gli altri, Irwin Rose , Nobel per la chimica, Margaret Kelly, direttore dell’Assemblea Generale dell’ONU e dell’Economic and Social Council , Rita Levi Montalcini, Nobel per la Medicina.

2004 – La Fondazione ottiene l’accreditamento per la formazione a distanza di medici e operatori sanitari. Il Ce.S.I. viene riconosciuto come Special Consultant per l’Economic and Social Council dell’ONU

2003 – La Fondazione nasce su iniziativa del Senato Accademico dell’Università G. D’Annunzio ed ottiene il riconoscimento della personalità giuridica iscrivendosi nel Registro delle Persone Giuridiche presso la prefettura di Chieti. Nello stesso anno viene inaugurato il Ce.S.I. (Centro di Scienze per l’Invecchiamento) alla presenza del Ministro Dell’Istruzione Letizia Moratti.